Tag Archives: renzi

Cogito ergo NO

indexLa Riforma Costituzionale su cui si voterà il 4 Dicembre è una pessima riforma. Le motivazioni di tale giudizio si possono trovare in tutti gli organi di stampa. La totalità dei Costituzionalisti è contraria per motivi tecnici (referendum-costituzionale-gustavo-zagrebelsky-spiega-i-15-motivi-per-dire-no-alla-riforma-voluta-da-renzi). Alcuni articoli sono anche ridicoli dal punti di vista linguistico. L’articolo 70 passa dal chiarissimo “La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere” ad un bizantinismo incomprensibile e volutamente lacunoso con rimandi continui ad altri commi e articoli. Verificare per credere: Nuovo Articolo 70. Una sciatteria vergognosa, segno stessa della pochezza di un gruppo dirigente che vorrebbe Riformare una Carta scritta da giganti ai quali non sarebbero stati degni neanche di allacciare le scarpe. Detto questo va sottolineato che questo è il motivo meno importante per votare NO al Referendum.

Riteniamo assulutamente inaccettabile la retorica di chi – dopo aver votato una iniziatia di questo tipo solo con la propria maggioranza, dopo aver legato il futuro dell’esecutiva all’andamento del referendum, dopo aver posticipato la data del referendum solo perchè rischiava seriamente di perderlo in tempi brevi, dopo le sceneggiate europee anti austerity (ennesima variante del chiudere le porte quandi se ne sono andati i buoi), mentre si appresta a varare una finanziaria finalizzata solo a massimizzare il consenso sociale (per conquistare qualche SI) e a paralizzare 2 mesi di attività governativa per fare propaganda di Stato pagata da tutti – ci chiede di parlare solo del merito della Riforma. Ma quando mai?! Una dose così massiccia di bispensiero non l’aveva immaginata nemmeno il Ministero della Verità del Grande Fratello Orwelliano.

In realtà, questa riforma è il perfetto vestito al corpo politico Renziano. Al suo modo di intendere la democrazia. Un Primo Ministro che è anche Segretario del Partito di Maggioranza che utilizza la sua carica per fare il portavoce di quella che i Costituenti (quelli seri) avevano previsto come una iniziativa Parlamentare. Il Dominus del Partito, del Governo e del Parlamento che si permette anche di dare lezioni di democrazia alle opposizioni. E proprio questa sarebbe l’Italia del SI. Una camera nominata da chi controlla il Partito che ratifica le iniziative di chi controlla il Governo, peccato che sia l’uno che l’altro sarebbero controllati dalla stessa persona. Lo vediamo anche con i tanti distinguo dei nostri politici locali: sempre pronti a parlar male del Governo, per salvarsi la faccia di fronte al disastro amministativo delle comunità nelle quali governano, ma sempre pronti, al dunque, a votare a favore di chi deciderà le liste delle prossime elezioni politiche nazionali e regionali.

L’errore da non fare è quello di disgiungere questa Riforma da tutto quello che questo Governo ha messo in atto dal suo insediamento. La distruzione della Scuola (qui veramente non ci dilunghiamo, basta parlare con un attore qualsiaisi della scuola, alunni, collaboratori, insegnanti per capire il caos organizzativo prodotto dalla Buona Scuola), la definitiva precarizzazione del mondo del lavoro col Job’s act (con l’abuso dei voucher che droga le statistiche sull’occupazione, comunque pessime), la continua e ossessiva genuflessione del Governo ai poteri forti e ai mercati finanziari, la connivenza con settori oscuri dell’imprenditoria attraverso l’appoggio incondizionato alle inutili Grandi Opere.

Queste politiche antipopolari e impopolari hanno bisognio di un assetto Istituzionale “snello”, con pochi contrappesi, senza lacci e lacciuoli diceva un signore di Arcore mai così vincente dal punto di vista programmatico e culturale.

Ognuno farà ciò che vuole. Noi voteremo NO al Referendum del 4 Dicembre. E lo faremo, in primis, per mandare a casa il peggior Governo che si sia mai visto in Italia. E dire che ne avevamo visti di tutti i colori (tranne il rosso, quello vero, a dirla tutta).

Concorsone di colpa

index
Più la guardo e più mi chiedo che cazzo c'avrà da ride la bionda

Prologo

Cercherò di essere breve, come dice il Sindaco Todini prima dei sui umilissimi interventi da 53 minuti in Cosiglio Comunale.

E’ una piccolo storia autobiografica, personale, dalla quale non si potranno trarre deduzioni di carattere generale. Del resto nessuno in Italia negli ultimi 15 anni ha vissuto situazioni analoghe. Sono un ragazzo sfortunato.

Il laureato

Mi laureo nel 2001 (vecchio ordinamento) in Ingegneria Meccanica. Al momento ci sono le SSIS (scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario) per abilitarsi all’insegnamento, un megamarchettone fatto per salvare le Università e per lucrare (costa 3.000€ e dura due anni) sugli aspiranti insegnanti. Io non posso assolutamente ritardare il mio ingresso nel mondo del lavoro perchè ho già svenato la mia famiglia per i costi universitari.

L’operatore sociale

Mi trovo un lavoro presto maledetto e subito (operatore sociale in una cooperativa perchè di aspiranti ingegneri è già pieno il mondo e perchè la congiuntura economica non è granchè, ma il prossimo anno ci sarà la Ripresa, dicono i fini analisti) e saluto la mia ideuccia dell’insegnamento. Qualche anno dopo (fine 2004), dobbiamo fare sacrifici per allinearci all’europa con un pò di tagli nel sociale e, contemporaenamente, cominciano ad arrivarmi proposte di supplenza nelle scuole di ogni ordine e grado. Accetto volentieri perchè il mio lavoro, anche se mi piace, è diventato piuttosto incerto oltre che sottopagato e pendolare (faccio i domiciliari a Perugia per un migliaio di euro con macchina a mio carico).

L’insegnante – parte I

Nell’arco di due anni mi ritrovo con una cattedra completa di Educazione Tecnica alle medie a Todi ed un lavoro piuttosto sicuro. Penso: “mi devo abilitare per evitare brutte sorprese” – ma non ci sono corsi abilitanti all’orizzonte (la confusione sulle riforme è sempre più intensa) e così tiro avanti. Dopo due anni arriva quel geniaccio della Gelmini che decide, alla faccia della sua amica Moratti e delle sue tre I (vi ricordate? Inglese, Italiano, Informatica), di tagliare una delle tre ore di Tecnologia (nel frattempo ha cambiato nome) alle medie. Risultato? il 33% dei docenti (tutti i più giovani con maggiori competenze informatiche) vanno a casa. Mi rode perchè, nel frattempo, ho scoperto che insegnare mi piace, e anche parecchio. Mi rode anche perchè nel 2008 mi nasce una creatura che mangia esattamente in stile papà, spesso e parecchio. Tengo talmente duro un anno tra le medie di Preci e l’ipsia di Cascia con un part time che, se non avessi una carcassa di macchina a metano, dovrei tornare a vivere da mamma. Corsi abilitanti? A Siena (3.000€) e Camerino (3.000€).

Il ricercatore

Mi rassegno e, mentre mi arrabatto tra ripetizioni e altri lavoretti in nero (fisco ti prego vienimi a cercare, t’aspetto a braccia tese e pugni chiusi) vinco un bando di ricerca della Regione (con cui sverno il 2011)  sulle Energie Rinnovabili e, botta di culo, trovo una Azienda seria che è interessata al mio studio.

Il progettista

Esattamente alla tenera età di 38 anni, il 2 maggio 2012, mi offrono un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Mamma scoppia di gioia perchè finalmente può dire con orgoglio non solo che il figlio è Ingegnere, ma che fa l’Ingegnere in una azienda importante. Anche la nuora di mamma è contenta perchè è nata un’altra creatura che mangia al ritmo del fratello e del papà. Bene, da maggio 2012 è tutto un fiorire di Corsi Abilitanti a Perugia. Adesso si chiamano TFA (tirocinio formativo attivo), guardacaso un megamarchettone fatto per salvare le Università e per lucrare (costa 3.000€) sugli aspiranti insegnanti. Ma alcuni, detti PAS (percorsi abilitanti speciali), pensati per quelli come me che hanno insegnato una vita e hanno una laurea del vecchio ordinamento, costano 2.000 e durano qualche mese. Ma come faccio a dire ai datori di lavoro che mi devono pagare mentre, appena assunto, passo giornate intere all’università di Perugia? Non si può fare. Ripongo per l’ennesima volta nel cassetto la mia ideuccia dell’insegnamento. Sarei anche mediamente soddisfatto, il lavoro non è male, ho due figli sani, belli e intelligenti come papà e una moglie che non ha intenzione di distruggermi la vita con estenuanti pomeriggi di shopping. Certo, se non avessi deciso di complicarmi l’esistenza con l’attività politica meno redditizia e più impegnativa della storia repubblicana sarebbe anche meglio ma, come dicono The Rokes, bisogna pure saper perdere. L’idillio dura un anno. A fine 2013 comincia la cassa integrazione. La fortissima crisi speculativa arriva anche nel nostro settore (ma il prossimo anno ci sarà la Ripresa, dicono i fini analisti) e si comincia a faticare. L’Azienda mi tiene, mi vuole tenere, ma il lavoro è poco. Nella primavera 2014 riaccetto una supplenza (magari un parco insegnanti vecchissimo con le sue pensioni mi ha dato una mano) part-time cercando di tenermi anche il lavoro. Per le peripezie fiscali del doppio lavoro rimando a Una storia vera troppo austera (alla fine, purtroppo, ho fatto davvero come Tsipras, ho dovuto capitolare con dignità e pagare anche TARI e TASI).

L’insegnante – parte II

Ma a Settembre 2015, tra un lavoro sempre più incerto e una cattedra piena (prima a Todi e poi a Marsciano) “decido” di riprovare con l’insegnamento e mi licenzio dall’azienda. Siamo nell’era della “Buona Scuola” di Renzi. Tante assunzione obbligate da sentenze europee. Una di queste dice testualmente che “lavoratori che abbiano prestato il proprio servizio per 3 anni consecutivi nella pubblica amministrazione devono essere assunti” perchè evidentemente sono indispensabili al buon funzionamento dello Stato. Ma la parola “consecutivi” in Italia ha lo stesso numero di interpretazioni che la parola neve ha per gli eschimesi. Visto che ci licenziano a fine Giugno e ci riprendono a Settembre per non pagarci le ferie, doppia pena! Non sono consecutivi nemmeno 10 anni e non valgono niente nemmeno 2.200 (duemiladuecento) giorni di servizio che ho prestato. E poi c’è il problema che se hai fregato migliaia di giovani e meno giovani spillandogli parecchi soldi e parecchi mesi di vita, questi (con le loro buone ragioni) vogliono il posto prima di te. Molto bene, lo schema principe del Capitale che annulla la coscienza di classe trionfa ancora: semiporacci contro superporacci. Allora Renzone che fa? Si inventa un Concorso per soli abilitati e noi dovremmo rimanere in un limbo indefinito dal quale non si capisce come si possa uscire. I neolaureati con abilitazione integrata nel percorso universitario ci passeranno avanti senza un giorno di insegnamento? I profili di incostituzionalità sembrano fondati e mille altri dubbi sono generati della vergognoso superficialità con la quale viene gestito il tutto (Lettera di un precario). Tutti facciamo ricorso e nessuno ci capisce più nulla. Neanche il TAR che boccia i ricorsi dei non abilitati. Neanche Il Consiglio di Stato che, a fronte di migliaia di casi, ribalta il giudizio per tre soli ricorsi individuali procedendo ad una ordinanza cautelare che intima ai commissari di permettere lo svolgimento dell’Esame pre i tre soggetti ricorrenti (Consiglio di Stato approva ricorso). I giuristi scattano in coro affermando che, nella seduta del 5 Maggio, il TAR dovrà prendere atto della situzione e permettere a tutti i ricorrenti (la maggior parte dei quali non ha nulla di diverso dai tre soggetti di cui sopra ) l’ammissione con riserva alla prova. Allora che faccio? Studio come un matto perchè siamo arrivati a fine aprile. Curricolo, Stili di insegnamento (peer to peer, brainstorming, problem solving, cooperative learning), Pai, Leadership, Didattica laboratoriale, Mappa concettuale, pdp, bes, dsa , pei, pdf, abilità, competenze, conoscenze, Pof e Ptof figli di Miur e tutta la lessigonia della nostra malata civiltà burocratica. Gli esami sono l’11 Maggio per le Medie e il 26 Maggio per le Superiori. Prendo i permessi scolastici per fare il Concorso. E il 5 Maggio che succede? Niente. Il TAR si chiude in un dignitoso silenzio forse conseguente all’auspicio della Ministra Giannini (Per la Ministra Giannini va tutto bene). E adesso? Senza l’ordinanza cautelare del TAR non ci faranno partecipare all’esame. Chiamo il sindacato: “Allora?” – “Allora boh. Il TAR è silente ma voi dovete presentarvi lo stesso e farvi firmare una rinuncia scritta dai commissari nella quale si assumono la responsabilità di non farvi dare l’esame” – “Cioè, devo andare l’11 a Foligno e il 26 a Roma a farmi firmare un foglio e tornare a casa?” – “Si, se non interviene nel frattempo la decisione del TAR, è assolutamente necessario per i futuri possibili sviluppi”. In sostanza, al momento, non solo non ho la più pallida idea del fatto se dovrò o meno sostenere un Concorso su tutto lo scibile umano di Ingegneria Meccanica e Burocratese Pedagogico, ma non sono nemmeno sicuro se i permessi che ho chiesto al Dirigente Scolastico siano legittimi. Studio o non studio? Lascio i permessi o li ritiro? Vado a fare due gite o rimango a casa?

Epilogo

Ecco. L’ho fatta più lunga di Todini. Però scrivere mi ha confermato che è tutto vero. E’ proprio tutto così come l’ho descritto.

L’Italia sarebbe veramente un Paese meraviglioso se non fosse rovinato da noi gufi che ci ostiniamo a non vedere quanto di buono fanno i nostri Cari Leaders.