Tag Archives: l’altra marsciano

Consiglio Comunale del 17/03/2015

Intervento su: Mozione Distanze Centrali a Biomasse e Biogas dai Centri abitati e dalle civili abitazioni (intervalli: 06:00 – 10:08, 33:14 – 41:16)

 

Intervento su: Mozione Terremoto Spina (intervalli: 10:46 – 12:41, 31:43 – 33:43)

 

Intervento su: Ordine del Giorno sulla Piscina Comunale di Spina (intervalli: 00:00 – 03:30, 09:45 – 13:16, 35:16 – Fine)

 

Intervento su Interpellanza Deposito temporaneo Vinacce Cerro (intervallo: 01:00 – 04:02)

 

Consiglio Comunale del 26 Luglio 2014

Intervento sul primo punto all’ordine del giorno: LINEE PROGRAMMATICHE – APPROVAZIONE (intervallo 00:00 – 13:20)

Watch live streaming video from comunedimarsciano at livestream.com

 

Intervento sul sesto punto all’ordine del giorno: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA’ INSALUBRI (intervallo 02:20 – 13:26 e, successivamente alla replica di Todini, controreplica nell’intervallo 36:25 – 45:20)

Watch live streaming video from comunedimarsciano at livestream.com

 

10/05/2014 – Sebben che siamo donne paura non abbiamo

donne donne 2

(più) donne e (meno) uomini ad ascoltare mentre i bimbi si divertono in piazza

Mai vista. Un’iniziativa politica di questo spessore e di questa tipologia a Marsciano non si era mai vista. Certe cose si raccontano male, bisogna viverle per capire quanti siano rare e preziose.

La paura che anticipava l’incontro era più che motivata: un sabato pomeriggio di bel tempo, uno dei primi di questa strana stagione, a parlare di servizi, questioni di genere e conciliazione tempi di vita / tempi di lavoro è un salto nel buio.

Risposta straordinaria. Federica Cinti che introduce magistralmente citando in conclusione Virginia Woolf, Caterina Piernera e la mens sana in corpore sano, Michelle Amy Polverino e l’assistenza al disagio, Tania Natalizi e i luoghi della crescita serena,  una intensa Elena Domnichetti che ci racconta la durezza del genitore che rimane solo, Micaela Doretto e  il coraggio di andare via per lavorare, Chiara Trippetta con l’idea dell’operatore di corridoio e…. Irene Biscarini ‘costretta’ a dare una mano fuori con i bimbi perchè la situazione è esplosiva.

In effetti la difficoltà a conciliare questo momento di impegno e riflessione con il ‘mestiere’ del genitore è reso evidente, durante l’incontro, dagli innumerevoli raid dei giovani red block nella sala.

Chiude Santi con qualche imbarazzo derivante dalla sua inadeguata condizione di genere con un pensiero che forse vale qualcosa: ‘Un percorso che produce un evento come questo dimostra, in sè, delle potenzialità straordinarie di riattivare nuovi linguaggi, nuove esperienze, una politica diversa’.

Cambiare si deve.

 

 

09/05/2014 – Migliano…. dura ma bella

migliano

Solo 4 da casa

Migliano è effettivamente una frazione del Comune di Marsciano per due settimane l’anno verso la fine luglio quando si celebra la storica ‘Sagra del Cinghiale’. In questa fatidica occasione il marscianese riscopre come la brezza quasi montana si concili alla perfezione con la torta al testo e il suino selvatico.

Per tutto il resto dell’anno gli abitanti di Migliano se la cavano quasi da soli: strade disastrate, servizi inesistenti, nettezza urbana che trabocca dai cassonetti con annesse polemiche paesane su di chi sia la responsabilità dei cani che rompono le buste. Anche l’acqua è un lusso quassù. Da quando si sono rovinati due pozzi (ne è stato ripristinato solo uno) non c’è mese che non si verifichi una temporanea interruzione del servizio idrico.

Partecipazione buona dall’inizio che diventa straordinaria man a mano che gli indigeni arrivano al circolo e si mettono ad ascoltare.

Dopo un inizio soft (per l’occasione introduzione del’ottimo Lorenzo Giannoni) arricchito da una sempre originale Federica Cinti si arriva al fatidico ‘vedo che siete ambientalisti’ sussurrato, a mo’ d’insulto, dal destro cacciatore di Migliano nel bel mezzo dell’intervento del Parenti.

E, in maniera del tutto simile all’assemblea del Ponte, trova pane per i suoi denti. Non siamo certo nati in un condominio di Spinaceto, non siamo ambientalisti per noia o conformismo… come dice Sherlock Holmes al fedele Watson: ‘Tolto l’impossibile, rimane l’improbabile’.

Cambiare si deve!

06/05/2014 – San Biagio…. è dura

san biagio

Caterina Piernera a San Biagio

San Biagio per noi è un posto particolare. San Biagio è il luogo nel quale, quando gli chiedi le chiavi, ti dicono che le daranno a Cristian Mattioli.

Perchè non è pensabile, nemmeno per gli abitanti di San Biagio,  che non ci sia Cristian dove c’è un’iniziativa con la falce e il martello.

E invece a torto o a ragione, per caso o per uno scherzo del destino, per scelta o per progressivo incasinamento, questa volta la partita ci vede su campi, se non avversi, profondamente diversi.

E non è facile ricostruire i contorni di una comunità che hai sempre visto mediata dal racconto di qualcuno di cui ti fidi; non è facile trovare i canali per far venire le persone all’iniziativa.

Tre persone del borgo e una famiglia che sta’ a metà tra San Biagio e Castiglione, gli altri siamo noi che andiamo insieme a tutti gli incontri, tossici di partecipazione.

Anche così si ricomincia. Con la passione che riescono a infondere nel proprio racconto Peppe Sorbini (chicche in libertà di piddismo reale) e Caterina Piernera, insegnante di educazione fisica e psicologa… una vita passata a comprendere ed aiutare gli altri.

Anche così si ricomincia. Con la fatica che merita la perdita di un compagno storico.

Almeno per ora, col ballottaggio chissà!

23/04/2014 – Kafeina ad metam

Il Kafeina è il bar di Chiacchieroni… stagna ancora nell’aere il profumo di salsicce di quel rito celtico-animistico che è stato l’inaugurazione della rotonda ‘La Barca’.

Qui ‘Gianfri’ prende l’aperitivo con gli amici di una vita: Zefiro, il ‘Barba’ e gli altri.

Inoltre l’Ammeto è pur sempre la Contea di Sabatino Ranieri; 5 anni fa abbiamo dato una spolverata a Todini nei due seggi locali che ancora se la ricorda.

Insomma il contesto dovrebbe essere quasi proibitivo…

ammeto

Al Kafeina con i nostri candidati

Invece, ancora una volta, come ci capita spesso ultimamente, la partecipazione è molto positiva e le sorprese all’ordine del giorno.

Per un Santi classico nella sua spiegazione del programma abbiamo un Rossetti a sorpresa chiamato a sostituire un Parenti incredibilmete assente (poi arriverà…).

Prestazione di Rossetti di tutto riguardo e tra una Micaela Doretto che fa una lectio magistralis di promozione turistica, un Luigi Iori che invita chi parla a sproposito di Berlinguer a pulirsi la bocca e un’Andreea Roxana Andrei che ci inietta entusiasmo incontenibile, la palma d’oro della migliore battuta va a Matteo Faralli e la sua ‘politica spudorata’.

Oggi aperitivo; domani si mangia….

22/04/2014 – Via Lenin

Via Larga (via Lenin all’anagrafe) è sempre stata la roccaforte della Sinistra di Governo. Quartiere periferico popolato e popolare nel quale si sono riversate le famiglie in fuga dalla mezzadria locale per trovare occupazione nella filiera del mattone marscianese. Vendere la casa in campagna, con tanto di mattera e visavì (che diventerà, magari,  la villa di un qualche papavero del nord), per acquistare 60 mq con piano di formica, guarnizioni alle finestre e riscaldamento centralizzato.

I nostri innumerevoli svolazzi intelletuali, troppo spesso radical-chic, non hanno mai attaccato in questa contrada; troppo pratica la mentalità di chi ci abita e troppo fresco il ricordo di chi li ha aiutati a passare dalla miseria ad un relativo benessere.

Per spiegare la singolarità del luogo basta sottolinerare che a Via Larga esiste addirittura quel luogo metafisico dell’anima vendoliana chiamato SEL.

5 anni fa con Sabatino 5 persone presenti…

1921919_696935570363685_1423948764665689931_n

Al verde di Via larga con i nostri giovani candidati

Ma questa volta la musica è cambiata: 60 persone, tantissimi giovani a riempire una sala che questi numeri non li ha visti nemmeno per i deputati PD (una sera di due anni fa ce n’erano addirittura 3…); forse è vero che ‘finirono le noci anche ta Bacocco’.

I nostri 4 candidati (Yuri Capoccia, Elena Domenichetti, Giacomo Miseria e Lorenzo Giannoni) fanno la figura dei fenomeni… interventi precisi, emozionanti, articolati e spigliati, tutta l’umana varietà della militanza politica orgogliosa di esserci e pronta a fare il suo.

Pia bene