Tag Archives: investimenti

L’Altro 2015

04_12_2008_18_09_12_Marsciano,_Palazzo_Pietromarchi_RID

Se il 2014 si era chiuso all’insegna delle iniziative contrarie allo stoccaggio delle vinacce al Cerro – ricordiamo lo sversamento di percolato dai silobag che si sta ripresentando anche quest’anno e che avrà un momento critico quando le piogge si faranno più intense – il 2015 non poteva che aprirsi con una vertenza legata alla difesa del territorio e dell’ambiente: la vicenda della nuova Coop. Nonostante lo spostamento tattico del Consiglio Comunale inizialmente previsto per inizio Gennaio e le vistose assenze in quello finalmente convocato per fine mese, indice di dubbi anche all’interno della maggioranza, l’Amministrazione ha tirato dritto. Nemmeno la straripante presenza della cittadinanza, in grandissima parte contraria, e la scomunica di Proposta Marsciano nei confronti del Consigliere Rabica, ha convinto Il Consiglio Comunale della follia dell’operazione. Noi non possiamo rimproverarci nulla, con ben 5 interventi sull’argomento le abbiamo tentate tutte, dagli aspetti urbanistici a quelli economici passando per i vizi formali. Non un Consigliere dell’Asse Centro Storico-Tripoli-Ammeto ha votato l’atto; il futuro urbanistico della zona nevralgica del capoluogo è stato deciso con il voto esclusivo di chi non vivrà direttamente le ricadute delle proprie improvvide scelte. Un Centro Storico soggetto a ingenti investimenti pubblici e ai disagi dei lavori, che tenta in tutti i modi di risollevarsi, ha dovuto sopportare l’ennesimo colpo di grazia da parte della GDO che ormai governa questa Regione per mano di politici incapaci della ben che minima difesa degli interessi comuni.

Le criticità presenti nella Politica dell’Amministrazione in questo anno sono state molteplici e tutte ci hanno visti fortemente contrari. Un Bilancio ingessato che prevede pochissimi investimenti e nel quale le Tariffe non tendono mai a diminuire che vede oramai una Tari spropositata diventare un incubo per i cittadini e per le imprese (che spesso pagano anche per altri canali di smaltimento). Un riordino del personale completamente caotico, per il quale non si sono interpellati né i cittadini (per capire le esigenze della collettività) né i lavoratori dell’ente, che presenta più capitani che truppe e fantasiosi part-time dei dipendenti tra un ufficio e l’altro; non vogliamo nemmeno parlare dei numerosi errori amministrativi tra i quali spicca l’assunzione illegale di un nuovo Vigile. Le strane “Storie di Terra” di fine Novembre, confezionata in 20 giorni per spillare ben 14.400 € all’Europa tramite il bando PSR della Regione Umbria, rispetto alla quale siamo in attesa di sapere chi ha beneficiato di queste risorse a fronte dei pochi e coraggiosi espositori, esperti e artisti che hanno arricchito l’iniziativa percependo quasi nulla.

Ma in questo anno, il gruppo Consiliare de “L’Altra Marsciano” non si è dedicato esclusivamente al lavoro di opposizione ma ha anche stimolato l’Amministrazione con ordini del giorno ed interpellanze con oggetto criticità e proposte, spesso provenienti da sollecitazioni della collettività. Ricordiamo il nostro ordine del giorno sulla Piscina Comunale di Spina – presentata con il Consigliere Filippo Umbrico – per richiedere informazioni sullo svolgimento dei lavori; l’interpellanza sulla gestione dei verdi pubblici e delle strutture sportive comunali (che forze ci porterà finalmente ad una regolamentazione e ad una omogeneità negli affidi e nelle convenzioni) e soprattutto l’interpellanza relativa alla petizione consegnata dal Cittadino Mauro Maccioni, lasciata per più di un anno senza risposta, riguardante la modifica al Regolamento Comunale per arginare la gravissima questione della dipendenza da videogioco. Così come la nostra iniziativa sul cosiddetto Vincolo Paesaggistico, dall’incontro con la popolazione a Spina fino alla Camera dei Deputati con l’Onorevole Civati, ha svelato le colpe della regione e del Comune rispetto all’apposizione della Dichiarazione di Notevole Interesse Pubblico. Queste iniziative hanno costretto l’Amministrazione, anche in ragione della sentenza del Tar sul ricorso di Comune e Regione, a riaprire il dialogo con Ministero e Sovrintendenza; tutto ciò ha contribuito a sbloccare i lavori per la ricostruzione post-sisma e a dare parziale risposta ai cittadini che aspettano ormai da più di sei anni una soluzione per la propria condizione di disagio.

Ma le iniziative di cui andiamo più orgogliosi sono quelle che hanno prodotto un risultato anche se siamo in netta opposizione, a dimostrazione che abbiamo capacità di proposta nonostante ogni atto del Consiglio ci venga consegnato con un margine temporale veramente ridicolo. Nell’attesa che la Regione promulghi il nuovo Regolamento per la disciplina del posizionamento degli impianti da Energia Rinnovabile, su nostra iniziativa, si è approvata una norma ragionevole che aumenta sensibilmente le distanze dai Centri Abitati ma anche dalle case isolate (che prima non venivano minimamente prese in considerazione). Su nostra mozione, con la sola astensione di Proposta Marsciano, sarà istituita una Sala Laica del Commiato per tutti coloro che vorranno congedarsi con dignità dai propri cari senza dover entrare in luoghi di culto religioso. Con un Ordine del Giorno, presentato insieme al Consigliere Pilati, abbiamo ottenuto l’importante, anche se non del tutto soddisfacente, risultato di decurtare la tariffa della mensa di un trentesimo della quota prestabilita per la rispettiva fascia ISEE per ogni assenza del proprio figlio; per incomprensibili (a nostro avviso) problemi tecnici la riduzione avverrà in un unica soluzione nel mese di Maggio nel quale tutti potranno verificare il risparmio ottenuto. Infine, con l’ultima interpellanza dell’anno, presentata nel Consiglio del 29 Dicembre 2015, abbiamo sollevato la questione degli innumerevoli disagi per coloro che usufruiscono della riabilitazione presso la Casa della Salute: affollamento, mancanza di aria condizionata, violazione della privacy dei pazienti in condizioni di grave disagio psicologico e tante altre storture; se non altro, abbiamo ottenuto l’impegno del Sindaco a sollecitare la soluzione di tali problemi presso gli Enti competenti , la promessa di aumentare le postazioni per disabili presso l’entrata del servizio e a vigilare sulla correttezza delle soste nelle aree di preposte.

Siamo convinti che la nostra impostazione di opposizione dura e attenta ma propositiva sia l’unica in grado di dare a breve quel ricambio nella gestione della Cosa Pubblica di cui Marsciano ha sempre maggiore bisogno.

Federico Santi, capogruppo consiliare de “L’Altra Marsciano”

Bilancio negativo

 Non avendo avuto il tempo minimo per verificare le innumerevoli voci del bilancio di previsione 2014 e per la limitata efficacia del piano degli investimenti, ci siamo concentrati principalmente su tasse e tariffe. Avendo già affrontato le criticità di TASI e dell’IMU, ci concentriamo ora su Addizionale IRPEF e TARI.

Per quanto riguarda la prima abbiamo verificato che, oltre ai dubbi già espressi da altri sul fatto che il gettito sia lo stesso dello scorso anno, le aliquote hanno pochissime possibilità di variazione e che l’ingiustizia più evidente è che gli scaglioni IRPEF sono iniqui. Per quale motivo dovrebbe avere la stessa tassazione chi guadagna 28.000 € all’anno (un reddito buono ma normale) e chi ne guadagna 55.000 € (un reddito decisamente ottimo)? Come sulla TASI c’è un evidentissimo disegno ventennale di favorire chi ha tanto a scapito di chi sopravvive con fatica.

Sulla TARI il discorso è molto più ampio. In prima battuta ricordiamo che la TARI è un tariffa che deve essere, per legge, a completa copertura dei costi e che, quindi, l’unica cosa che possono fare i comuni per diminuirla è abbattere i costi del ciclo dei rifiuti o valorizzare molto di più i materiali differenziati.

Sul lato delle minori spese non ci siamo proprio in quanto l’Amministrazione Comunale diminuisce di pochissimo la convenzione con GEST mentre la quantità di immondizia è calata sensibilmente a causa della crisi, aumenta le spese fisse comunali e propone un aumento di Capitale di 100.000€ per la società SIA, sul quale non ci sono state date giustificazioni chiare ma solo generiche asserzioni sulla necessità di una certa stabilità finanziaria. Sul lato della valorizzazione dei materiali differenziati nulla si è mosso.

Per conto nostro, quanto prima, metteremo in campo delle iniziative per dimostrare come, fuori da quel carrozzone partitico rappresentato dal Consorzio CONAI, che lascia solo un 30% dei propri incassi ai comuni, si potrebbe capitalizzare molto più dalla vendita diretta nel mercato di questi preziosi materiali. Questo viene già fatto da molti comuni e lo potremmo fare anche noi se il Comune non rispondesse ad equilibri politici di altra natura.

Purtroppo la storia delle vinacce ci dice chiaramente che non è il nostro caso.

In secondo luogo, ciò che ci preoccupa è anche la distribuzione della nuova tariffa. Se da un lato dovremmo avere, mediamente, un leggero calo della tariffa per le famiglie poco numerose e per alcune attività commerciali che producono pochi rifiuti, dall’altro avremo un pesante incremento per le famiglie numerose e un vero e proprio salasso, incompatibile con la situazione drammatica del nostro tessuto artigianale e commerciale, per la grande maggioranza delle attività che producono, per loro natura, una quantità importante di rifiuti.

Anche per questo abbiamo chiesto, con un emendamento, che venissero dimezzate le quote dovute agli esercizi artigianali e commerciali di tutto il territorio comunale comprese nei centri storici.

In prima battuta perché non siamo riusciti a trovare le coperture per tutti e in seconda battuta perché questi esercizi costituiscono un valore aggiunto dal punto di vista sociale e di tenuta del territorio al contrario delle logiche speculative della grande distribuzione.

Non c’è stata la volontà politica di trovare una copertura per una modesta operazione di 32.000 € che mostrava una attenzione particolare nei confronti di chi permette che i nostri centri storici, in gran parte ristrutturati, non appaiano ancora più vuoti e morti di quanto in realtà già non siano.

Consapevoli che sarebbe necessario ben altro e che si doveva evitare questo esborso in un periodo così duro, ci batteremo con tutte le forze perché, successivamente, come ha assicurato il Sindaco in Consiglio Comunale, si trovino forme di rimborso che costituiscano una vera boccata d’ossigeno per queste realtà commerciali.

In definitiva, quello che salta all’occhio di chiunque tenti di migliorare la condizione di vita dei propri concittadini è che le politiche bipartisan che, con estrema logica e coerenza, in Europa sono rappresentate da Socialisti e Popolari, in Italia da PD, SC e NCD e a Marsciano dal raggruppamento PD-PSI-PM, stanno portando la nostra economia e le condizioni materiali delle persone al collasso per permettere agli speculatori di distruggere tutte quelle conquiste di mezzo secolo che avevano prodotto in Italia e in Europa un modello avanzato di convivenza civile.

Tutto questo per creare quell’esercito industriale di riserva che permette al capitale finanziario di non diminuire i profitti in favore dei salari e dei diritti.

Federico santi, capogruppo consiliare L’Altra Marsciano