Tag Archives: alfio todini

Strada della Vittoria e Via crucis Umberto I

La gimkana-via crucis del Centro di Marsciano ha molti responsabili.
Il primo, sembra evidente, è la pessima messa in opera; gran parte delle fughe sono corrose e le lastre sembrano appoggiate.
Il secondo sembrerebbe essere lo spessore delle lastre, troppo ridotto e quindi insufficiente a reggere la flessione e gli urti su un fondo troppo irregolare.
Eppure, ci sono responsabilità ben più grandi, anche se meno evidenti, perché lo storia c’insegna che il pesce puzza sempre dalla testa.
La progettazione di questi lavori, per decisione dell’Amministrazione Comunale, è stata spezzettata in due tranches: la prima che prevedeva i lavori per la Piazza – ipotizzata principalmente pedonale – e via Marconi, invece, pensata per il transito (infatti, dopo le polemiche iniziali, sembra l’unico tratto che regga alla sua funzione); la seconda che prevedeva i lavori in via XX Settembre e in via Umberto I nella quale si sono utilizzati gli stessi materiali della piazza nonostante non fosse ipotizzabile un suo uso principalmente pedonale (anche perché il transito di Via Marconi non poteva finire in un vicolo cieco).
Ed ecco che, per responsabilità di una programmazione Comunale, come sempre, ondivaga e contradditoria, ci ritroviamo un’opera mal pensata, non organica, mal realizzata e per nulla funzionale.
Se si fosse deciso da subito che Viale della Vittoria sarebbe rimasta una strada, avremmo potuto lasciare le alberature, che davano il senso della carreggiata (oltre che un po’ di ombra e un minimo di schermatura acustica) e scegliere diversi materiali per la carreggiata.
Se si fosse deciso da subito che Viale della Vittoria avrebbe ospitato dei parcheggi ci saremmo risparmiati quella inutile fontana divenuta oggetto delle amorevoli cure di maldestri parcheggiatori (sorvoliamo sull’incredibile storia della pompa sotterranea per amor di Patria).
Se non si fosse spezzettato l’appalto (o perlomeno si fosse controllato il raccordo tra le due fasi) non avremmo una strada ideata come transitabile destinata a morire in uno spazio realizzato con materiali adatti al transito pedonale.
Se non si facessero sempre, immancabilmente, appalti al minimo ribasso, magari non si sarebbe risparmiato sulla posa in opera.
Alla fine possiamo anche prenderla sempre con gli operai e con i professionisti ma il gioco serve a poco.
Serve a poco perché, chiunque abbia lavorato in questi contesti, sa che l’unica cosa che conta è il coordinamento del progetto generale che deve avere una visione organica, complessiva e persone in grado di guidarlo nella sua realizzazione.
Tutto questo manca a Marsciano da molto, troppo tempo.

Interpellanza SIA

INTERPELLANZA

Su iniziativa del Consigliere Yuri Capoccia

Avente ad oggetto: “Nuovo struttura organizzativa SIA”

visto che

la S.I.A. S.p.A. (Società Igiene Ambientale) è una società mista con il 56% del capitale sociale di proprietà pubblica di cui il 53,07% di proprietà del Comune di Marsciano;

l’organigramma ancora presente nel sito, che non è stato aggiornato, presenta una struttura organizzativa come da allegato 1 (organigramma rev01);

considerato che

successivamente al pensionamento del Responsabile Igiene Urbana e Manutenzione Massimo Cinti si proponeva, in data 22 Novembre 2016, una selezione interna per l’individuazione del nuovo responsabile (qualifica indicata al singolare) con tanto di valutazione dei curricola e colloquio orale per i candidati che si fossero presentati entro il 30 Novembre 2016 come da allegato 2 (avviso selezione);

preso atto che

in data 16 Febbraio 2017 (come da allegato 3, avviso incarico) veniva approvata dal Consiglio di Amministrazione una nuova struttura organizzativa che prevedeva lo spacchettamento delle posizioni organizzative in capo al dipendente in pensione in tre diverse nuove figure, come da allegato 4 (organigramma rev02);

Si chiede

per quale motivo il sito Amministrazione trasparente di SIA risulti assolutamente inservibile per la continua e statisticamente frequentissima risposta “Non applicabile” alla stragrande maggioranza dei link alternata a “Pagina in allestimento” o a documenti di dubbia qualità vergati a mano;

come mai il medesimo sito non preveda aggiornamenti nella sezione Organizzazione a più di un mese dalla modifica della Struttura organizzativa;

quali siano i criteri che hanno orientato il Consiglio di Amministrazione alla scelta di tre soggetti in vece di uno e quali siano i criteri per l’individuazione dei nominativi presenti nell’avviso e nell’organigramma di cui sopra.

Marsciano lì 23/03/2017 Yuri Capoccia

interpellanza 2017 01 b organigramma rev 01 interpellanza 2017 01 c avviso selezione interpellanza 2017 01 d avviso incarico interpellanza 2017 01 e organigramma rev 02

Piano di Sviluppo Casuale

catiuscia
Catiuscia Marini, nel brevissimo intervallo di tempo vissuto nel ruolo di lavoratrice presso LEGACOOP, trovava comunque il tempo di dedicarsi al sociale

Nel Consiglio Comunale di Marsciano del 26-11-2015 tra i vari spunti di discussione presenti, tra i quali l’Informativa sull’interdittiva antimafia alla Gesenu e la tariffazione del servizio mensa, è passato abbastanza inosservato, nonostante l’intervento contrario del Consigliere Santi, il punto 3 dell’Odg che così recitava:

RATIFICA ATTO DI GIUNTA N. 205 DEL 05/11/2015 AVENTE AD OGGETTO:
“PSR UMBRIA 2007-2013, MISURA 3.1.3. PROGETTO “MARSCIANO STORIE
DI TERRA” – VARIAZIONE URGENTE AL BILACIO DI PREVISIONE 2015”

In sostanza, nella spiegazione del Sindaco, un bando per i residui del PSR che andava onorato pena la peggiore delle sciagure possibili in questa Italia piena di retorica finto-europeista: il ritorno dei fondi in Europa. Un bando pubblicato i primi di Ottobre (chi avrà avvisato solo alcuni Comuni dell’occasione d’oro in tempo reale?) che si chiudeva a fine Ottobre (15 giorni per fare il progetto e farselo finanziare, alla faccia della classica burocrazia italica) imponendo una manifestazione entro la fine del mese di Novembre per evitare problemi tecnici di rendicontazione dei fondi.

L’iniziativa “Storie di Terra”è quanto di meglio si possa mettere in piedi in appena 15 giorni. Degustazioni, show cooking, musica e alcuni tra i migliori rappresentanti della produzione enogastronomica locale in collaborazione con Sitema Museo (a cui vanno 1000 dei 14400€ finanziati) e Fair Lab (per i restanti 13400€) srl che coinvolge la meritoria Pro Loco di Marsciano (che avanza appunto numerosi fondi promessi e mai ottenuti dal Comune) per la logistica e la manovalanza.

Il problema, in effetti, è proprio questo. Nulla da dire sui produttori (alcuni veramente molto bravi), sulle iniziative poste in essere e sulla generosità della Pro loco, ma si può tollerare che si organizzino eventi in 15 giorni con tetti di presenze di massimo 20 persone nella deserta zona produttori e qualche presenza in più dove si degusta gratuitamente vino (con un ottimo Antonio Boco) e si ascolta musica di qualità (Trouvez Margot come sempre un piacere) solo per non rimandare 14400€ in Europa?

Non è proprio l’Europa che, con la sua insenstata austerità, finalizzata al reperimento di queste risorse, ci impone una infinita e drammatica recessione programmata?

 

 

Interpellanza

ludopatia_mexico_article1

Su iniziativa del Consigliere Federico Santi

Avente ad oggetto: “Informazioni in merito alla petizione consegnata in data

25-04-2014 dal Cittadino Mauro Maccioni

PREMESSO CHE

  • in data 25-04-2014 il Cittadino Mauro Maccioni ha consegnato al protocollo del Comune di Marsciano una petizione (vedi allegato 1), con numerose firme a seguito, contenente delle proposte di modifica al Regolamento comunale per le sale giochi e per l’installazione di apparecchi da gioco;

  • come riportato dalla ricevuta allegata la stessa è stata prontamente inoltrata alla Polizia Urbana, allo Sviluppo Economico e al Sindaco;

CONSIDERATO CHE

  • anche tenendo conto del periodo elettorale siamo ben oltre i limiti previsti dal Regolamento per la discussione della petizione;

  • dopo numerosi contatti informali caduti nel vuoto, in data 09-01-2015 Mauro Maccioni ha scritto, tramite posta certificata (vedi allegato 2), una e-mail nella quale lamenta la mancata discussione della propria iniziativa ed esorta le istituzioni al rispetto delle propria iniziativa e, nonostante ciò, non ha, ancora una volta, ricevuto risposta;

IL CONSIGLIERE COMUNALE Federico Santi

CHIEDE AL SINDACO E ALLA GIUNTA

  • una spiegazione in merito al motivo per il quale non si è ancora proceduto alla discussione in oggetto nei tempi dovuti;

  • che sia fissata una data, anche in base alle disponibilità del primo firmatario, per l’inizio della discussione nelle commissioni competenti consiliari.

Marsciano lì 19/01/2015 Federico Santi

Profondo Nord

images

L’8 Gennaio 2015 abbiamo presentato un Ordine del giorno nel quale si auspicavamo una conclusione positiva e soddisfacente per la problematica della piscina di Spina. Un impianto nel quale si sono spesi un’eresia di soldi pubblici, più di 500.000€, con soluzioni immaginifiche e fuori da ogni logica solo per arricchire qualche campagna elettorale. Per nostra sfortuna eravamo in Consiglio Comunale anche quando votavamo contro a questi scempi mentre l’attuale Consigliere regionale Chiacchieroni ci accusava, come sempre, di voler fermare lo sviluppo. L’O.D.G. non è stato inserito nel Consiglio del 28 Gennaio 2015 per gli approfondimenti tecnici necessari a dare alcune risposte. Abbiamo fatto una richiesta chiarissima nel nostro ordine del giorno: oltre alla dovuta rassicurazione sul fatto che la piscina sarà fruibile prima della prossima estate vogliamo che, dopotutto, si realizzino degli impianti nei quali si possano effettuare attività agonistiche. Il tempo che è intercorso tra oggi e il deposito ci fa pensare siamo ancora nella fase decisionale. Ci aspettiamo una risposta affermativa come unico viatico realistico per una sostenibilità effettiva dell’impianto. Del resto, casualmente, mentre attendevamo che fosse messo in discussione il nostro documento, è uscita la notizia dell’affidamento dei lavori della Piscina. In soli 12 giorni abbiamo avuto più risposte che in 7 anni.
Stesso atteggiamento che l’Amministrazione Comunale tiene su tutte le tematiche critiche aperte ,che sono una infinità, nella zona Nord del Comune.
La segnalazione dell’ex consigliere comunale Mattioli sui lavori a Mercatello ha prodotto una pronta risposta dell’amministrazione sull’affidamento dei lavori ad altri soggetti. Chiaramente i due eventi sono del tutto indipendenti.
Passando dai fatti, sperando che questi impegni diventino fatti per quanto scontati e tardivi, alle intenzioni, degni di nota alcuni ‘interessamenti delle istituzioni’ molto elettorali avvenuti successivamente ad altre criticità sollevate sempre da opposizioni e cittadini.
Come l’interpellanza di Gianfranco Chiacchieroni (stranamente tornato dall’esilio politico dopo 5 anni di basso profilo) sulla settevalli è venuta dopo molte sollecitazioni del Consigliere Pilati. É surreale l’indignazione del Consigliere Regionale e del Sindaco su un argomento così centrale per il nostro territorio quando essi sono direttamente responsabili degli ultimi 16 anni di amministrazione. 16 anni nei quali abbiamo solo visto peggiorare l’intera viabilità nella zona Nord con toppe elettoralistiche anche peggiori dei mali. Appoggiamo e promuoviamo qualunque forma di protesta eclatante che i cittadini vogliano fare. Chi ha il portafoglio pubblico deve capire che questa situazione non è più tollerabile in nessun modo.
Finalmente si parla di distributori di acqua pubblica nella zona Nord per l’interessamento del consigliere Offreddi e la Zarina Marini, dall’alto del consenso certificato dalla fresca approvazione di una legge elettorale con la quale potrebbe governare col 18% dei voti, ingaggia un duello con le Poste Italiane (un’altra splendida privatizzazione italiana) dopo la protesta dei cittadini di Castiglione della Valle preoccupati per una possibile chiusura dell’ufficio locale.
Visto che siamo molto interessati alla soluzione reale dei problemi, e vista l’attenzione che le nostre denunce ottengono da parte di una Amministrazione Comunale in piena campagna elettorale regionale per conto terzi, abbiamo chiesto al Presidente della prima commissione consiliare, Sabatino Ranieri, di indire una seduta pubblica ai sensi del comma 2 dell’art. 25 del Regolamento del Consiglio Comunale per mettere in fila tutte le informazioni sull’andamento della ricostruzione pesante, sull’autonoma sistemazione e sulle eventuali ingiustizie maturate nella sua assegnazione e sulla questione dei danni parziali mettendo intorno ad un tavolo Uffici Comunali preposti, Comitato territoriale, Amministrazione, Maggioranza e Opposizioni. Deve essere un impegno di tutti fare il massimo per sostenere le ragioni dell’aumento di risorse per la ricostruzione senza le quali sui verificherebbero delle profonde ingiustizie in un territorio già provato dalle difficoltà di questi anni.

Federico Santi – capogruppo consiliare L’Altra Marsciano

Consiglio Comunale del 28/01/2015

Intervento su: AUTORIZZAZIONE APERTURA DI NUOVO ESERCIZIO COMMERCIALE IN VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO E ALLA PARTE OPERATIVA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE DI
MARSCIANO – LOCALITA’ AMMETO, VIA TUDERTE – VARIANTE COOP

 


(minuto 15:03)

 


(minuto 46:50)

 


(minuto 04:00)

 


(minuto 35:20)

La coop sei loro?

coop

 

Il 13 Novembre sono scaduti i termini per le osservazioni alla Variante al Piano attuativo e alla Parte Operativa del P.R.G. che potrebbe consentire l’autorizzazione allo spostamento della Coop dal centro commerciale ‘L’Arco’ all’Ammeto, in prossimità del complesso commerciale ‘Le Fornaci’. Una scelta miope e speculativa perché è chiaro che la partita vera sarebbe la costruzione dell’involucro e non la discutibile operazione commerciale di portare vicini due supermercati simili per offerta e dimensione. Tutti i Consiglieri comunali devono essere coscienti del fatto che possono evitare questo tragico errore con il loro voto contrario alla variante richiesta; non è vero infatti che si tratta di una operazione d’impresa privata della quale la politica può solo prendere atto, il Consiglio Comunale dovrebbe cambiare il proprio strumento di programmazione urbanistica che non prevedeva, a ragione, in quel luogo un punto di grande distribuzione. Va rimandato al mittente il ricatto sociale ai lavoratori; in effetti se l’operazione COOP avesse successo e dovesse rubare quote di mercato ai concorrenti ci sarebbero esuberi negli esercizi a tuttora presenti nell’area interessata, in caso contrario il problema dei licenziamenti ritornerebbe di attualità per la COOP stessa. Senza contare il fatto già abbondantemente riscontrato del progressivo peggioramento delle condizioni di lavoro degli addetti alla distribuzione nei grandi esercizi commerciali. Per ogni nuovo centro commerciale che apre c’è un aumento delle ore di lavoro tanto da arrivare al punto che tutte le domeniche gli esercizi sono aperti senza neanche pagare più straordinari. L’incremento del tasso competitivo tra punti vendita posti uno di fronte all’altro sarebbe ancora più spinto con l’unico risultato che si andrebbe a lavorare sempre, 7 giorni su 7, senza alcun beneficio visto che l’offerta sarebbe la medesima per tutti gli esercizi. Ci perderebbero solo i lavoratori, in ore di vita e retribuzione, e ci guadagnerebbe la grande distribuzione che distrae ricchezza dal territorio per le proprie esigenze finanziarie. Invitiamo a riflettere, allo stesso modo, sul ricatto presentato agli operatori della filiera edilizia in crisi. Quale futuro di lavoro si può intravedere in un deserto commerciale delle piccola distribuzione? Quali ristrutturazioni, messe a norma e lavori Impiantistici si pensa di ottenere una volta che saranno presenti solo pochi e immensi esercizi commerciali con appalti di manutenzione al massimo ribasso contratti con operatori estranei al territorio? Quale futuro abbiamo in mente per Marsciano se facciamo morire un Centro Storico nel quale abbiamo appena speso milioni di €? Il miraggio proposto a molti soggetti di essere tra i beneficiari degli imminenti lavori è una presa in giro; ben pochi, e sempre i medesimi, beneficeranno di una grande mole di lavoro contrattata al ribasso e concentrata in poco tempo. Non si può, in ogni caso, costruire strutture inutili che a breve diventeranno cimiteri di cemento, come rischia di essere L’Arco, per rilanciare una filiera in crisi; è proprio questa ricetta che ci ha portato al disastro economico sotto gli occhi di tutti. Ricordiamo a tutti che con la nascita del Centro commerciale L’Arco è iniziato il declino del Centro storico di Marsciano come allora denunciammo con forza. La costruzione dell’Arco fu venduta, allora, come la costruzione di una struttura adeguata per la COOP che intendeva ampliare la propria offerta; l’architettura stessa del complesso è tutta finalizzata a valorizzare il punto vendita con parcheggi coperti comodi e abbondanti e scale mobili. Il rilancio dell’Arco, in quanto struttura ormai presente nel tessuto cittadino, deve essere il nostro obiettivo e siamo assolutamente convinti che la COOP, una volta riscontrata l’impossibilità dell’operazione in atto, non potrà abbandonare un mercato importante come Marsciano e farà di tutto per rilanciare la propria offerta nel luogo storico costruito anni fa proprio per venire incontro alla richiesta di COOP stessa. Se così non fosse, d’ora in avanti, saremmo ostaggio di una qualunque attività commerciale o industriale che ci chiedesse di stravolgere la nostra programmazione urbanistica per venire incontro alle proprie discutibili operazioni finanziarie sotto la minaccia della delocalizzazione produttiva. La comunità marscianese deve essere cosciente che questa partita è ben più importante della presenza di un nuovo centro commerciale di cui nessuno sente l’esigenza.

 Federico Santi, capogruppo consiliare L’Altra Marsciano

Regione, vinacce e ordinanze

La mozione approvata da Consiglio Regionale (vedi all.1) è sicuramente importante perché rende atto al nostro territorio della dimensione regionale della questione vinacce.

La mozione Stufara-Buconi (la mozione Stufara, capogruppo regionale di Rifondazione Comunista, è stata emendata nella mozione finale a differenza della mozione Buconi che è stata ritirata) dice con chiarezza una cosa che non è stata ripetuta né da Rometti né dal comunicato dei Socialisti di Marsciano (http://www.marsciano7.it/notizie/1727_PSI_sulle_vinacce__bene_l_intervento_della_Regione;_la_destra_%C3%A8_illogica.html).

Il Consiglio Regionale non solo auspica un confronto con il Comune di Marsciano e la Proprietà per giungere a soluzioni compatibili con il contesto urbanistico e infrastrutturale del territorio ma, testualmente, impegna la Giunta Regionale a ”individuare soluzioni atte a determinare una diversa ubicazione delle attività di stoccaggio e degli impianti definitivi”.

Una diversa ubicazione degli stoccaggi e di tutte le attività in atto o potenziali connesse dal comune di Marsciano; nessuno pensi di contrattare con la proprietà una ubicazione nel territorio marscianese spacciandola per male minore trattando alcuni cittadini come di serie B rispetto ad altri.

Su questo concetto spero che il centrodestra marscianese avrà la forza di dissociarsi dal voto dei propri rappresentanti regionali che hanno addirittura dichiarato che non sarà inseguendo le richieste dei comitati che si possono vincere le elezioni regionali o che il Comune non dovrebbe opporsi a queste iniziative imprenditoriali dimostrando anche scarso rispetto per il lavoro delle proprie organizzazioni politiche nel territorio.

Inoltre, dopo più di 40 giorni, non ci risulta che la Di Lorenzo abbia presentato al Comune di Marsciano il ”progetto firmato da un tecnico abilitato” alla quale era obbligata dall’ordinanza sindacale n. 323 del 17/09/2014 (vedi all.2)  ‘‘entro il termine massimo di giorni 30 dalla data di notifica” dell’ordinanza stessa.

Quella stessa ordinanza che ha permesso lo stoccaggio dei silos bag in aderenza alla strada provinciale e da un fosso demaniale (il cui sedime catastale è ben diverso da quello fisico), viene forse rispettata nelle parti che sono più convenienti e viene ignorata nei passaggi in cui obbliga l’azienda ai minimi adempimenti per regolarizzare la propria attività?

Questo atteggiamento sarebbe l’ennesima prova che non si può trattare con quei soggetti imprenditoriali che non dimostrano il minimo rispetto per le comunità nelle quali operano.

Federico Santi

mozione regionale appovata

ordinanza silosbag