L’insostenibile acerbità dell’uva

volpe

Ne abbiamo fatte di campagne elettorali. Sappiamo perfettamente che l’astuzia e la malizia che sconfinano nella menzogna sono un ingrediente strutturale in questi frangenti. Soprattutto per chi, evidentemente, ha poco da dire a proprio sostegno, non rimane che l’introduzione furtiva nelle abitazioni per sussurrare amenità agli ignari ascoltatori. Alcuni scaltri (almeno credono di esserlo…)  piddini, per screditarci o per fare un favore a terzi familiari, dicono con insistenza che ci alleeremo col PD. Pensa un po’ che autostima. Tutto ciò non ci sconvolge affatto, fa parte delle regole di un gioco che pulito non sarà mai e nel quale devi dimostrare una penetrazione sociale che ti consenta di smontare questi racconti improbabili.

Ma quello che sta avvenedo per il confronto pubblico tra il sottoscritto e Todini è al limite del surreale. Riassumiamo le tappe dell’affaire per i meno attenti: abbiamo chiesto, nel lontano 28 Aprile, l’incontro a 6: http://www.marsciano7.it/…/1170_AAA_Confronto_pubblico…. Nessuno ci ha risposto, nessuno ci ha appoggiato… con nessuno intendiamo nè Todini nè, tantomeno, gli altri candidati …. silenzio di tomba. Visto che sapevamo, come lo sapevano tutti perchè lo va dicendo da un mese, che il sindaco (ormai ex)  non avrebbe fatto l’incontro a 6 per motivi che noi riteniamo risibili e opportunistici ma assolutamente chiari, abbiamo chiesto incontri a due con tutti…. tutti: http://www.marsciano7.it/…/1185_Santi_sfida_Todini_e….

Todini ci ha risposto perchè, date le motivazioni con le quali rifiuta l’incontro a 6, non poteva tirarsi indietro…. ma nessuno, tranne noi, gli ha chiesto niente.

A questo punto… apriti cielo. Nessuno scrive un articolo per stigmatizzare la situazione perchè sa che darebbe solo visibilità all’evento, ma nei profili facebook dei candidati si iniziano a leggere parole di fuoco contro l’incontro. Si sostiene, addirittura, che avremmo fatto un favore a Todini (ci sfugge il senso del ragionamento a meno di una bassissima stima nei miei confronti del tutto legittima) e si riciurla nel manico che siamo cugini, ci apparentiamo e che non ci faremo male.

Ora, per fotuna ci viene in soccorso il principio Aristotelico del terzo escluso. Assioma: Todini non fa l’incontro a 6. Conseguenza: Bisogna sfidarlo in un incontro a due a meno che l’obiettivo non sia di non sfidarlo affatto. E’ questo il tacito accordo tra gli altri candidati che abbiamo rotto…. In 4 pretendono il confronto a 6 o niente, mentre Todini era disposto a tutto tranne che a 6. Soluzione: niente.

E qui viene il punto interessante. Perchè nessuno ha interesse a confrontarsi?

Federico Santi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *