Finalmente qualcosa di concreto sul riuso

Riportiamo il nostro comunicato stampa e un articolo uscito sul Corriere dell’Umbria, relativi al “Polo del Riuso”
Anche Marsciano avrà un suo “Centro per il Riuso”, così come altri dieci comuni umbri vincitori del bando regionale a sostegno della realizzazione ed allestimento di centri finalizzati al riutilizzo dei prodotti in buono stato. Una nota positiva rispetto all’inerzia dell’azione amministrativa, che sembra viaggiare con il pilota automatico sin dal suo insediamento. Questa volta però, anche grazie alla nostra segnalazione del sopracitato bando, Marsciano sarà tra i capofila, diversamente dal solito, nell’attuazione di una misura volta alla tutela ambientale e alla solidarietà sociale.
Come “L’Altra Marsciano” non possiamo che essere favorevoli alla realizzazione di un Centro per il Riuso, un punto centrale del nostro programma elettorale, poiché rappresenta un luogo dove sarà possibile portare cose in buono stato, che non servono più, per prelevare altri oggetti utili di cui si sono disfatti gli altri. Troppo spesso si pone l’accento solo sul riciclo dei materiali mentre, ancora prima di questo obiettivo, andrebbe incentivata la cultura del riuso tal quale dei prodotti in buono stato perché, se il riciclo dei materiali ci permette di risparmiare materie prime, il riuso ci permette anche di risparmiare immense quantità di energia. In questo modo si potrà, da un lato diminuire la quantità di immondizia da buttare e trattare e dall’altro investire un minimo di forza lavoro per il funzionamento del centro, promuovendo al contempo la cultura della sostenibilità ambientale.
Ad oggi, dalle informazioni in nostro possesso, siamo in fase di progettazione esecutiva e la speranza è che i lavori vengano ultimati per la primavera del prossimo anno. Il centro, che verrà collocato all’interno dell’Isola Ecologica, in località Pettinaro, avrà una superficie coperta di circa 110 mq, di cui 45 mq all’esterno, e la sua gestione verrà affidata, tramite un bando, ad un’associazione senza fini di lucro.
Su quest’ultimo punto invitiamo l’Amministrazione a pubblicizzare in maniera adeguata questa opportunità sin da ora, in modo tale da consentire a chi volesse partecipare di iniziare a pensare al progetto ben prima della pubblicazione del bando. La presenza di un congruo intervallo di tempo tra la pubblicazione delle finalità e della tipologia di associazione richiesta e la chiusura del bando è, a nostro parere, fondamentale per dare a tutti, e non solo ai “ben informati”, il tempo e il modo di partecipare con cognizione di causa e con ragionevoli possibilità di esito positivo alla gara. Come opposizione cercheremo di incalzare l’Amministrazione per velocizzare le tempistiche e vigilare sull’affidamento della gestione del centro.Yuri Capoccia – Capogruppo “L’Altra Marsciano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *