DISORDINANZE

index

La recente decisione del TAR di sospendere l’efficacia dell’ordinanza del Sindaco del 13 Ottobre relativa alla diffida dallo stoccaggio in cumulo per l’Azienda Di Lorenzo è l’ennesima puntata di una fiction all’italiana.

La sentenza è motivata dal fatto che “la diffida è basata unicamente sulla contrarietà dello stoccaggio delle vinacce al regolamento comunale delle industrie insalubri, senza che sia specificato quale sia il danno alla pubblica saluto e incolumità, fatta eccezione per le emanazioni sgradevoli”.

In sostanza il TAR sostiene che il Regolamento Comunale delle Industrie Insalubri non abbia alcuna efficacia nel momento in cui non si riesca a dimostrare il danno per la pubblica incolumità.

In definitiva, tutti gli atti che ha posto in essere l’Amministrazione Comunale, sia quelli che sembravano condivisibili che quelli criticabili, non hanno prodotto alcun miglioramento della condizione del deposito di vinacce al Cerro.

Lontani i tempi nei quali il Sindaco Todini assicurava in pubbliche assemblee che l’affitto, condizione necessaria (come diritto di superficie) per la fruibilità dell’autorizzazione, non sarebbe stato rinnovato dai proprietari del terreno.

Ad oggi, non siamo in condizione di conoscere nemmeno su chi ricada la proprietà ma ci sembra logico che le aziende, che svolgano la funzione di affittanti, affittuarie, cedenti o acquirenti, massimizzano i propri profitti specialmente in momenti economicamente critici come quelli presenti.

Passando alla famosa Ordinanza (la 323 dello scorso anno che imponeva l’uso dei silos bag) avevamo espresso forti dubbi sulla sua efficacia tanto da riportare, testualmente, in una interpellanza discussa il 30 Settembre 2015 dubbi su “il concreto rischio di vedere i silos bag nelle aree non predisposte per l’attività e il cumulo all’aperto con teli nell’aria prevista dall’autorizzazione del 4 Luglio 2014 realizzando, così, una massimizzazione dei volumi stoccati attraverso le proprie iniziative (dell’Ente si intende)”.

Come si vede, nonostante le sprezzanti smentite di quei giorni, si è verificato esattamente quello che avevamo ipotizzato.

Come in campagna elettorale, quando abbiamo posto il tema delle Vinacce al confronto pubblico, ci è stato risposta con il classico mix di sicurezza ed arroganza che noi siamo i gufi (si noti lo stile Renziano) che combattono le “ombre” e che alimentano i “sospetti”.

Molto più di un sospetto scaturisce da questo balletto di iniziative che ha prodotto la massimizzazione degli spazi e delle tipologie di stoccaggio tenuto conto che, addirittura, l’Azienda in oggetto, che, a differenza del Comune, ben sa fare il suo mestiere, sostiene in sede giudiziaria il fatto che i siti del comune di Marsciano, e quindi anche quello di Papiano, siano stati promessi inizialmente dai rappresentanti istituzionali salvo fare retromarcia elettorale di fronte alla imponente mobilitazione della popolazione.

Ora le elezioni sono lontane ed anche l’Azienda Di Lorenzo osa quello che anche lo scorso anno, a parere del TAR, era in suo diritto.

Il danno al Cerro oramai è fatto ma, d’ora in avanti, moltiplicheremo la vigilanza sulla questione per evitare che il piede messo nel nostro territorio da queste tipologie di lavorazioni, attraverso l’imponente stoccaggio di vinacce, non si trasformi in qualcosa di ancora peggiore per la qualità della vita di tutti i Marscianesi.

Da opposizione promettiamo il massimo impegno con la consapevolezza che l’unico metodo sicuro per evitare che si ripetano storie come queste in futuro è quello di non rinnovare più, finalmente, la fiducia elettorale a questa maggioranza.

Federico Santi

Capogruppo Consiliare L’Altra Marsciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *