Prove tecniche di unità

È passato più di un mese dal nostro appello a formare una “ una grande coalizione civica nella quale si possano riconoscere tutti coloro che non si sentono rappresentati da chi ha governato l’Italia negli ultimi 25 anni”.

Un mese nel quale noi abbiamo anche proposto alcune idee per Marsciano perché pensiamo che si debbano anche proporre dei contenuti oltre che formule elettorali.

Sono intercorsi contatti e incontri, più o meno carbonari con numerose forze politiche, tra le quali quelle che hanno appoggiato Sabatino Ranieri alle ultime amministrative. Quei contatti si sono interrotti di fronte ad alcune difficoltà che siamo convinti possano essere superate.

In primis abbiamo registrato la presenza di forze politiche che sono, tuttora, al governo della città insieme al PD come quei Socialisti che esprimono presenze in Giunta e Consiglio e aperture esplicite ad altre forze di governo come Proposta Marsciano. Questa cosa risulta particolarmente sorprendente da parte di chi, per tutta la durata della legislatura, ha attaccato con forza queste formazioni politiche in ogni occasione. Noi non abbiamo mai fatto un’opposizione aprioristica a nessun contenuto dell’amministrazione e non rientra nella nostra cultura politica la demonizzazione, anche personale, dell’avversario; detto questo non pensiamo sia possibile condividere un’esperienza di rinnovamento con chi ha avuto responsabilità di primo piano nel governo della città, governo che giudichiamo del tutto insufficiente.

In seconda battuta siamo rimasti molto colpiti dalla presenza di altre forze di segno completamente opposto, portatrici di valori e contenuti indistinguibili da quelli della Lega e che, quindi, troveranno proprio lì la loro naturale collocazione.

Chiediamo, ancora una volta, a tutte le forze civiche di stampo democratico di impostare una campagna elettorale su contenuti alternativi ai due poli che saranno sicuramente presenti alle prossime amministrative: il PD e le forze che hanno sempre governato con lui, e la Lega e i suoi alleati di sempre come Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Siamo convinti che i cittadini di Marsciano ci chiedano questo, stanchi come sono di equilibrismi giocati su livelli diversi da quello comunale, tatticismi interni al PD che si regolano alle primarie, imposizioni di partiti nazionali che chiamano i rappresentanti locali forzando su scelte non funzionali allo sviluppo di Marsciano.

Amministrazione locale e sviluppo rurale

Vogliamo cambiare quello che è stato fino ad oggi il rapporto tra agricoltura e amministrazione locale. Le implicazioni sul territorio del modello agricolo che si afferma, sono importanti e riguardano il cibo, il commercio, l’ambiente, il paesaggio, il lavoro; inoltre in mancanza di strumenti chiari le innovazioni possono risultare divisive o mal realizzate come ci insegna il biodigestore di Olmeto, ma anche le recenti vicende legate ad alcuni modelli delle centrali a biomasse.

La funzione puramente informativa sui bandi del PSR in uscita che spesso si sovrappone alle passerelle di consiglieri regionali ed assessori se mai è servita in passato ormai è inutile per il settore e forse anche per gli assessori e i consiglieri stessi; associazioni di categoria, organismi di certificazione, agronomi, organi di stampa, passaparola sono già efficienti in questa direzione, agli amministratori locali si può e si deve chiedere di più, non certo di trasformarsi in imprenditori e neanche di mettersi semplicemente in “ascolto”, non è più sufficiente, soprattutto oggi in territori come il nostro in cui convivono imprese di dimensioni e con matrici produttivi diverse e differenziate, soprattutto oggi in cui le ricadute dei modelli di produzione interessano tutta la popolazione. Non è sufficiente neanche la necessaria attenzione alla regimazione delle acque, serve prevenzione prima che i problemi diventino troppo grandi per risolverli con il controllo.

Oggi serve guardare a ciò che si muove vicino e lontano da noi, serve sperimentare, serve avere una idea di sviluppo locale che possa dare ai produttori e ai consumatori più possibilità di scelta e serve favorire occasioni di confronto su questi temi che non siano semplici passerelle.
Il mercato la farà ancora da padrone nelle scelte dei produttori, ma abbiamo visto che produrre grano ai prezzi odierni non consente non solo di ricavare reddito, ma si perdono soldi, è iniziata la riconversione di un modello produttivo ed è doveroso dire quale potrebbe essere la direzione da imboccare, senza scegliere per gli altri, come già detto, ma ampliando le possibilità di scelta dei produttori.

In alcuni Comuni si stanno sperimentando sistemi di certificazioni su scala locale che diano conto di tipicità e qualità dei prodotti del territorio, nella vicina Todi, ad esempio, l’Istituto di Istruzione Superiore Ciuffelli è una fucina di incontri, idee, progetti, sperimentazioni di cui dovremmo tenere conto e come amministrazione favorire la diffusione dei risultati e delle discussioni che da queste attività scaturiscono, potremmo stabilire un rapporto più stretto con strutture deputate allo sviluppo rurale utilizzandone il lavoro e rendendole più funzionali.

Sempre in termini di territorio si potrebbe lavorare assieme agli altri comuni della Media Valle del Tevere per costruire bandi che consentano l’insediamento di giovani agricoltori che sviluppino progetti di utilizzo sociale delle terre demaniali oggi abbandonate che rischiano di diventare un problema più che una risorsa.

Sviluppo delle filiere corte, piani regolatori che non stabiliscano le superfici agricole e commerciali solo in funzione del valore del suolo in quel particolare contesto economico, ma che diventino strumenti flessibili dentro un quadro ben definito, organizzazione di incontri ed iniziative che diano conto di ciò che si muove, scambi con altri territori che ragionino sul modello agricolo e sui prodotti di qualità, un supporto agli agricoltori che intendano rappresentare le proprie istanze e che non si sentano adeguatamente rappresentati in questa fase, quanto piuttosto lasciati soli. Queste, tra le altre, sono le sfide, l’agricoltura incide in termini importanti sul piano produttivo, lavorativo, commerciale, turistico, ambientale, non è pensabile che gli amministratori possano disinteressarsene perché regolata a Bruxelles, abbiamo strumenti e quelli che non abbiamo li costruiremo per cambiare l’inerzia di questi ultimi anni.

Sanni Mezzasoma

Chi lo ha detto che non si può tagliare la TARI?

In queste settimane l’Amministrazione ha attivato, in alcune frazioni del Comune, il servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici. Inoltre, chi vorrà smaltire la propria frazione organica attraverso un apposito composter domestico potrà accedere anche ad uno sconto di 50 euro sulla TARI. Ci sembra senza dubbio una bella iniziativa che ci offre la sponda per parlare di quello che invece si potrebbe e dovrebbe fare.

Nel programma che presenteremo alle elezioni comunali della prossima primavera sarà centrale la strategia Rifiuti Zero. Strategia che ha come suo cardine la tariffazione puntuale, o incentivante, dove a guadagnarci sono tutte le parti chiamate in causa nel ciclo dei rifiuti: famiglie, comuni ed ambiente. La bontà di questa scelta è confermata, contrariamente a quanto spesso ci siano sentiti dire dall’attuale Amministrazione di fronte ad una simile possibilità, dall’esperienza del comune di Capannori (LU).

Il comune toscano, che ha una popolazione di 46 mila abitanti ed una superficie di 155 kmq – praticamente identica a quella del nostro comune – è stata la prima amministrazione ad adottare la strategia Rifiuti Zero in Italia. Oggi, ad undici anni di distanza, può godere dei frutti di questa scelta lungimirante. I dati parlano chiaro: la raccolta differenziata nel 2015 si è attestata all’85%, la produzione di rifiuti pro-capite annua si è ridotta a 431 kg, al di sotto della media nazionale (487 kg). Il risparmio sul mancato smaltimento dei rifiuti indifferenziati ha coperto i costi delle assunzioni necessarie per realizzare il sistema di raccolta “porta a porta” (circa 50 nuovi occupati), ma soprattutto c’è stata una riduzione della tariffa, pari al 20% sulla parte variabile.

Il sistema che si andrebbe ad adottare, prevede l’utilizzo di sacchetti per l’indifferenziato dotati di un’etichetta adesiva contenente un chip associato univocamente all’utenza. Al momento del prelievo, tramite un apposito lettore che viene passato sull’etichetta, avviene la registrazione dei dati, che vengono poi trasmessi al sistema informatico, attribuendo così la precisa tassazione al relativo utente.

La tariffazione incentivante introduce quindi un elemento di equità: chi meno indifferenziato produce meno paga, premiando così i cittadini più virtuosi. Questo sistema è un passo in avanti verso una maggiore sostenibilità ambientale ed economica: la produzione di rifiuti viene ridotta considerevolmente, riduzione della quale beneficia anche l’importo della TARI, senza contare i risvolti occupazionali generati dall’introduzione della raccolta “porta a porta”. Un altro elemento fondamentale per far rendere al meglio questo sistema è la partecipazione dei cittadini attraverso un’incisiva campagna d’informazione ed assemblee pubbliche. Come sempre, quando la comunità partecipa alle scelte riguardanti il territorio i risultati positivi sono la diretta conseguenza, ed è  questa strada che vogliamo intraprendere per dare una nuova amministrazione a Marsciano.

Yuri Capoccia – Capogruppo L’Altra Marsciano

Per un’Altra Marsciano

A maggio 2019 si terranno le elezioni amministrative a Marsciano.

Cinque anni fa, la coalizione de L’Altra Marsciano si è presentata alle elezioni dopo la delusione dovuta al mancato accordo con le altre liste civiche di cui è sempre stata motore e promotrice sin dall’esperienza del 1999 con il candidato Di Mario.

Abbiamo sempre portato il centrosinistra al ballottaggio anche quando era molto forte; e molto forte è stata per lungo tempo anche la destra a Marsciano, ancora più forte delle passate elezioni amministrative, ma mai è stata scelta dai cittadini come antagonista al monocolore che stiamo cercando di soppiantare da almeno 20 anni.

Siamo convinti che ciò sia avvenuto perché i cittadini marscianesi sanno bene distinguere le elezioni amministrative da quelle politiche e europee; consapevoli delle differenze presenti tra forze radicate nel territorio, che si battono per abbassare le tariffe della mensa, difendere l’ambiente, salvare i centri storici, cambiare il modello di sviluppo urbanistico, rompere il sottopotere degli appalti, e quelle forze politiche che si presentano ogni 5 anni parlando di tematiche lontane, dal sapore politicista, rispetto alle quali nulla può un Comune nella nostra architettura istituzionale.

Con queste stesse idee, e senza alcun motivo di divisione tra quelli presenti 5 anni fa, facciamo un appello a tutte quelle liste civiche di impostazione laica e democratica che non vogliono lasciare Marsciano nelle mani di chi lo ha ininterrottamente governato in questi anni con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti, ma neppure regalarlo a forze senza alcun radicamento territoriale pronte a fare campagne elettorali roboanti tese ad un facile consenso senza alcuna visione concreta per Marsciano.

Noi non abbiamo alcun problema ad esprimere più di un potenziale candidato a Sindaco, ma pensiamo che si debba individuare una persona terza, capace ed onesta, che possa essere un elemento di garanzia per tutte le anime di quella che noi immaginiamo come una grande coalizione civica nella quale si possano riconoscere tutti coloro che non si sentono rappresentati da chi ha governato l’Italia negli ultimi 25 anni.

Firmatari:

Yuri Capoccia (Capogruppo in Consiglio Comunale) – Fabrizio Baiocco – Marco Pochini – Roberto Pileri – Fabio Vaselli – Giulio Rinaldi – Michele Pigicchia Bigicchia – Fabio Fiandrini – Nicola Burocchi – Sanni Mezzasoma – Francesco Fossi – Marco Santi – Valerio Trotta – Michelle Polverino – Michele Papi – Andrea Cardaioli – Flavia Battistoni – Chiara Tomassoni – Mattia Ruspolini – Tania Natalizi – Miriem Outaa – Lorenzo Giannoni – Federico Santi – Letizia Ridolfi – Salah Ez Zahar – Viola Bolli – Andrea Bufaloni – Matteo Bertolini – Sergio Pezzanera.

Marsciano sul Grappa – 3

INTERPELLANZA

Su iniziativa del Consigliere Capoccia Yuri

Avente ad oggetto: “Deposito temporaneo Vinacce Cerro

 

PREMESSO CHE

  • nelle scorse settimana sono apparse visibili a tutti cumuli di vinacce depositati in conseguenza della nuova stagione di vendemmia;

CONSIDERATO CHE

  • con la nuova interpretazione ratificata dal Consiglio Comunale del 20-06-2016 relativa alla definizione di stoccaggio coperto, nel quale si estendo il suddetto concetto ad una semplice copertura, la “Distillerie Di Lorenzo” ha potuto stoccare fino ad un 50% in più di materiale;

VERIFICATO CHE

  • in data 6-05-2015, la Distillerie Di Lorenzo è stata condannata dal Tribunale di Perugia per sversamenti incontrollati nel Fiume Tevere che aveva provocato una straordinaria moria di pesci;
  • il sito ha ricevuto le attenzioni e le sanzioni del NOE in tutti gli anni di esercizio, l’ultimo episodio è datato Dicembre 2017;

 

SOTTOLINEATO CHE 

  • in questi giorni è visibile a tutti che la vera e propria montagna di stoccaggio risulta sistematicamente scoperta dimostrando in modo lampante quello che abbiamo sempre sostenuto, e cioè, che la decisione arbitraria di ampliare il concetto di deposito coperto avrebbe peggiorato esponenzialmente la già problematica situazione del sito stesso.

IL CONSIGLIERE COMUNALE Capoccia Yuri 

CHIEDE AL SINDACO E ALLA GIUNTA

  • dati certi e dimostrabili sulle quantità di vinacce in ingresso nel sito:
  • quali siano i meccanismi di controllo posti in atto dall’A.C. per assicurarsi il rispetto delle prescrizioni sulla copertura;
  • se, alla luce di quanto sopra dimostrato, non ritenga necessario rivedere l’interpretazione del Regolamento delle Discipline insalubri in senso restrittivo per quanto riguarda il concetto di Deposito Coperto.

Marsciano lì 26/09/2018                                                                         Yuri Capoccia

Kasta alla griglia

Mercoledì 1 agosto, alle ore 21, presso la XX festa di Liberazione al parco verde di Schiavo, si terrà una iniziativa politica locale di carattere molto particolare.
Fegatelli (https://www.facebook.com/fegatelleaks/) interrogherà una platea di politici locali di vari schieramenti: Massimo Ceccarelli (PD), Cristian Mattioli (Liste Civiche per Sabatino Ranieri Sindaco), Andrea Pilati (Centrodestra Marsciano), Federico Santi (Altra Marsciano).
La legislatura che sta terminando (vinacce, coop, mense, puc, settevalli, ricostruzione, nomine sia, miss italia, umbracque, bitumifici, bilanci bocciati, nuovi giardinetti, TARI, polo del riuso, valzer degli assessori et cetera) attraverso i “fegatelli” degli ultimi 4 anni e le prospettive per il voto del prossimo anno.
Una serata alla ricerca di nuovi spazi per parlare di politica in modo non rituale.

Un nuovo Regolamento per le discipline insalubri

Il Consiglio Comunale nelle prossime settimane sarà chiamato a modificare nuovamente il regolamento per la disciplina delle attività insalubri.

Già nell’ultimo Consiglio è stato messo mano al regolamento per consentire l’insediamento di queste attività anche in zone differenti da quelle industriali, come invece prescriveva la vecchia dicitura.

Una modifica del tutto legittima, sollecitata anche dagli uffici competenti, poiché tra le industrie insalubri rientrano ad esempio anche gli allevamenti; di conseguenza, collocarli esclusivamente nelle zone industriali poneva problemi per l’apertura di nuove attività.

Svista frutto di un regolamento scritto e approvato in tempi strettissimi.

Tuttavia, come opposizioni, avevamo chiesto alla maggioranza di approvare questa modifica unitamente alle altre modifiche, ancora in discussione in commissione, motivo per il quale ci siamo astenuti poiché, a nostro avviso, non sussistevano le ragioni di uno spacchettamento così ravvicinato, nonostante alcune richieste arrivate agli uffici.

Rispetto ai lavori, come L’Altra Marsciano, siamo impegnati a far sì che nella nuova versione vengano mantenute le matrici ambientali, in particolare odorigene, che hanno scongiurato l’avvio dell’attività a Papiano.

Questa discussione non deve rappresentare un’occasione per depotenziare un regolamento che, nel momento del suo utilizzo, ha funzionato a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente.

Inoltre, lavoriamo affinché le modifiche sostanziali vengano votate a larga maggioranza, come nel momento della sua approvazione, considerando inoltre che il Consiglio Comunale, a meno di un anno dalle prossime amministrative, ha sicuramente una legittimità politica ridotta rispetto alla modifica di un regolamento così importante.

Il Consiglio comunale dovrà anche rendere uniformi, quanto prima, come previsto nella nostra richiesta di consiglio di minoranza, le norme tecniche di attuazione del Prg al Regolamento in materia di definizione di nucleo abitativo, cosa che avrebbe potuto evitare sul nascere la vicenda di Papiano.

Yuri Capoccia, capogruppo consiliare l’Altra Marsciano

Provaci ancora, AM

Niente attività per la produzione di bitume a Papiano. Finalmente una buona notizia dall’ultima conferenza dei servizi. Come avevamo anticipato in una recente assemblea pubblica nel territorio interessato, il Comune di Marsciano non si poteva sottrarre al parere negativo vincolato dalla chiarezza dal Regolamento per la disciplina delle attività insalubri. Queste cose non avvengono per caso, ma avvengono in conseguenza del lavoro consiliare delle minoranze che hanno voluto quel Regolamento a inizio legislatura con la speranza di bloccare anche il mega-deposito di vinacce al Cerro. Quella battaglia l’abbiamo persa ma, almeno, è stata la base per non soccombere ancora una volta. Non siamo riusciti ad evitare neppure la realizzazione del nuovo Centro Commerciale ad Ammeto (che, come prevedibile, è sconsolatamente vuoto) ma ci siamo battuti con tutte le armi a nostra disposizione per scongiurare la variante che ne ha permesso la costruzione.

Questa Amministrazione, assente per la maggior parte del tempo, è stata, questa volta, costretta ad esprimersi contro l’ennesima scelta infelice. Del resto, il fallimento della maggioranza consiliare è stato certificato dalle ennesime dimissioni rassegnate dagli assessori Moscoloni e Anniboletti che hanno seguito quelle della Vicesindaco Luchetti. Una via crucis per la Giunta ma, soprattutto, per Marsciano, che si deve sorbire queste manovre ad un anno dalle elezioni buone soprattutto per segnare nuovi equilibri elettorali, non certo per risolvere i numerosi problemi della nostra comunità.

Altre due buone notizie sono in dirittura d’arrivo grazie all’impegno del nostro giovane consigliere Yuri Capoccia:

  1. La prossima apertura di un Polo del Riuso, un luogo nel quale portare quelle cose che non sono più utili a noi ma possono risultare preziose per altre persone, un luogo nel quale riaffermare i valori del riuso prima ancora del riciclo e in alternativa alla nefasta produzione di beni non necessari.
  2. L’istituzione del registro comunale delle disposizioni anticipate di testamento (DAT) presso l’Area Anagrafe, che altro non è che il registro nel quale è contenuta l’espressione della volontà da parte di una persona (testatore), fornita in condizioni di lucidità mentale, in merito alle terapie che intende o non intende accettare nell’eventualità in cui dovesse trovarsi nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte.

Queste e altre cento cose sono state fatte e altrettante ne faremo ancora nel restante anno di legislatura.

Vogliamo quindi tornare a confrontarci con tutti coloro che ci hanno sostenuto in questi anni e con coloro che vorranno iniziare a farlo, Domenica 6 maggio, dalle ore 17:00, presso la Sala Capitini, per discutere insieme le prospettive e le scelte rispetto alle prossime elezioni amministrative.

Il nostro obiettivo è, come da 20 anni a questa parte, la sconfitta di una classe politica che amministra da troppo tempo Marsciano in modo approssimativo e non condivisibile, scongiurando anche che il grande dissenso venga incanalato verso prospettive politiche che nulla hanno a che vedere con la cultura democratica di Marsciano e che sono prive del ben che minimo radicamento territoriale. Non faremo passerelle con big nazionali che vengono ad aizzare le folle esultanti; ci vogliamo, invece, occupare dei tantissimi problemi reali della nostra collettività.

All’opposizione stiamo lavorando intensamente e con buoni risultati, vincendo insieme le elezioni potremo finalmente cambiare Marsciano.

Sacrificati sugli alTARI

Il bilancio comunale approvato nei giorni scorsi porta con sé una spiacevole sorpresa per i cittadini marscianesi: l’aumento della Tari di circa il 12%.

Rispetto a questa ipotesi, come gruppo consiliare “L’Altra Marsciano”, esprimiamo la nostra netta contrarietà. Gran parte di questo aumento, circa il 9%, è dovuto agli extracosti che l’AURI ha riconosciuto alla GEST per il 2017 e per il 2018. Per extracosti si intende i costi causati dal blocco degli impianti di Pietramelina e Borgogiglione – avvenuti nell’ambito dell’inchiesta della magistratura denominata “Spazzatura d’oro connection” – che hanno costretto il gestore a portare fuori regione i rifiuti.

A questi costi si aggiungono quelli previsti dalle nuove tariffe di conferimento. Al di là delle valutazioni legali sull’intera vicenda, che non sono di nostra competenza, questo aumento è inaccettabile in quanto la cattiva gestione, le inefficienze, le scelte sbagliate delle supposte professionalità ai vertici delle aziende municipalizzate vengono sempre e comunque scaricate sulle spalle dei cittadini.

Se l’amministrazione non ha una responsabilità diretta rispetto a questa situazione, quella politica invece è evidente: il Partito Democratico, che da sempre guida la nostra Regione e gran parte dei comuni umbri, è corresponsabile della nomina dei vertici in questione, che, alla prova dei fatti, hanno dimostrato la loro inadeguatezza. Incapacità che pagano i cittadini con servizi scadenti e costi eccessivi, senza tralasciare la questione ambientale.

Altra criticità che riguarda la tassa sui rifiuti è la decisione dell’Amministrazione di modificare il regolamento TARI nella parte relativa alle esenzioni. Nella vecchia versione era prevista un’esenzione totale per chi presentasse un reddito ISEE inferiore ai 6.000 euro. Con la modifica approvata sono state invece individuate tre fasce di reddito ISEE per l’esenzione: sotto i 3.000 euro l’esenzione sarà totale, tra i 3.000 e 5.000 euro la riduzione della TARI sarà del 70%, mentre ammonterà al 50% per i redditi tra i 5.000 e 7.500 euro. Seppur condividiamo l’estensione dell’esenzione a nuove fasce di popolazione in sofferenza, tuttavia, critichiamo la proposta di scaricare i costi di questo allargamento sulle fasce più deboli. Ci sembra paradossale, se non farsesco, che si trovino i fondi per finanziare questo allargamento suddividendo i costi proprio su quelle fasce di popolazione che erano state individuate come deboli.

L’Amministrazione avrebbe dovuto studiare un modo per far sì che questo allargamento fosse stato fatto senza togliere a chi già beneficiava dell’esenzione totale, ma cercando ridistribuire i maggiori costi in altra maniera, sicuramente più progressiva e più equa. Come al solito si cerca di togliere a chi sta peggio, in una perfetta guerra tra poveri.

Yuri Capoccia – Capogruppo L’Altra Marsciano

Strada della Vittoria e Via crucis Umberto I

La gimkana-via crucis del Centro di Marsciano ha molti responsabili.
Il primo, sembra evidente, è la pessima messa in opera; gran parte delle fughe sono corrose e le lastre sembrano appoggiate.
Il secondo sembrerebbe essere lo spessore delle lastre, troppo ridotto e quindi insufficiente a reggere la flessione e gli urti su un fondo troppo irregolare.
Eppure, ci sono responsabilità ben più grandi, anche se meno evidenti, perché lo storia c’insegna che il pesce puzza sempre dalla testa.
La progettazione di questi lavori, per decisione dell’Amministrazione Comunale, è stata spezzettata in due tranches: la prima che prevedeva i lavori per la Piazza – ipotizzata principalmente pedonale – e via Marconi, invece, pensata per il transito (infatti, dopo le polemiche iniziali, sembra l’unico tratto che regga alla sua funzione); la seconda che prevedeva i lavori in via XX Settembre e in via Umberto I nella quale si sono utilizzati gli stessi materiali della piazza nonostante non fosse ipotizzabile un suo uso principalmente pedonale (anche perché il transito di Via Marconi non poteva finire in un vicolo cieco).
Ed ecco che, per responsabilità di una programmazione Comunale, come sempre, ondivaga e contradditoria, ci ritroviamo un’opera mal pensata, non organica, mal realizzata e per nulla funzionale.
Se si fosse deciso da subito che Viale della Vittoria sarebbe rimasta una strada, avremmo potuto lasciare le alberature, che davano il senso della carreggiata (oltre che un po’ di ombra e un minimo di schermatura acustica) e scegliere diversi materiali per la carreggiata.
Se si fosse deciso da subito che Viale della Vittoria avrebbe ospitato dei parcheggi ci saremmo risparmiati quella inutile fontana divenuta oggetto delle amorevoli cure di maldestri parcheggiatori (sorvoliamo sull’incredibile storia della pompa sotterranea per amor di Patria).
Se non si fosse spezzettato l’appalto (o perlomeno si fosse controllato il raccordo tra le due fasi) non avremmo una strada ideata come transitabile destinata a morire in uno spazio realizzato con materiali adatti al transito pedonale.
Se non si facessero sempre, immancabilmente, appalti al minimo ribasso, magari non si sarebbe risparmiato sulla posa in opera.
Alla fine possiamo anche prenderla sempre con gli operai e con i professionisti ma il gioco serve a poco.
Serve a poco perché, chiunque abbia lavorato in questi contesti, sa che l’unica cosa che conta è il coordinamento del progetto generale che deve avere una visione organica, complessiva e persone in grado di guidarlo nella sua realizzazione.
Tutto questo manca a Marsciano da molto, troppo tempo.